Il mega miliardario Bill Gates

È micidiale, anche grottesco, una vera e propria presa in giro, uno schiaffo in piena faccia al genere umano, e questo se ci riflettiamo per un solo attimo e dobbiamo rifletterci! Insomma, con quale diritto, questo signore, con quale umano diritto, se non fosse stato che le leggi assurde e inique in cui viviamo glielo permettano, in meno che non si dica, per l’aggeggio che ha costruito, è diventato uno degli uomini più ricchi e più potenti (la ricchezza è potere) del pianeta, più ricco, dicono alcuni, di tutto il Brasile messo insieme!

È normale questo? Ne siamo sicuri? È normale che intere popolazioni muoiano letteralmente di fame e un mammifero dominato dal proto cervello, il cervello rettile, si appropri di tanta ricchezza? È normale che milioni di innocenti, bambini appena strappati dal seno delle loro madri, muoiono miseramente, mentre il signor Bill Gates, applaudito e circondato dai suoi bravi, lancia il suo nuovo aggeggio sul mercato per renderlo ancora più mostruosamente ricco e distruttivo? No, non è normale. Per nulla. È bestiale. La nostra non è una società di esseri umani, mai stata, affatto, è una società di bestie assetate di averi e poteri. E perché poi? Per essere ancora più infelici e ignobili!

Per quello che ha apportato Bill Gates alla società, il compenso non avrebbe dovuto superare la proprietà d’una casa, d’un’auto, un po’ di denaro in banca e poi gli onori che i suoi simili gli avrebbero comunque saputo riconoscere, tutto il resto entra in un sistema diabolico, in un Establishment gangsteristico e irrazionale a livello planetario.

E la cosa diventa ancora più grottesca quando pensiamo che per difendere l’immeritato bottino di questo signor Bill Gates, di questo individuo, si inventano tribunali e si creano e istruiscono giudici, avvocati, giurie, guardie e, infine, ci sono i carceri e i penitenziari! È il grottesco che domina in questa società, non l’umanità e il buonsenso!

Solo in una società inumana e mostruosa alla massima potenza come la nostra, che domina sulla massa sfruttata, ignorante e misera a più non posso con un sentimentalismo falso e manipolatore, solo in una tale società possono succedere queste cose, una società fatta, non da gentiluomini, non da uomini giusti e retti, per nulla!, ma una società costruita pezzo a pezzo da belve ingorde e sciocche.

Chi fa credere a questo signor Bill Gates che, per aver costruito un aggeggio che porta il nome d’un pc Windows, sempre meno utile, e bisogna dire questo con forza e persuasione, sempre meno utile della casa che gli ha costruito il muratore e ancora meno indispensabile del grano che il contadino coltiva nel suo campo, chi fa credere a questo signore che lui può possedere mezzo mondo e il muratore e il contadino solo la loro miseria?

Qualcuno che non ricorda più quello che ho scritto appena sopra può dirmi che non è colpa sua, che è la società in cui viviamo che gli permette tutto questo. È vero, è la società in cui viviamo che gli permette tutto questo, ma ciò non esclude il fatto che Bill Gates non arricchisce il genere umano, ma lo rende ancora più povero e disumano, grazie alle sue assurde ricchezze e bestiali privilegi!

Bill Gates, come Henry Ford, non porta pane, amore, democrazia nel mondo, affatto, è un’illusione, ma rinforza il padronato, il capitalismo, l’imperialismo, l’ingiustizia, i carnefici, quindi porta ancora più miseria, schiavitù, ribellione, inquinamento, fame e, infine, porta la morte!

UN INVITO: passate parola, condividete, dite ciò che pensate. Per crescere e maturare culturalmente (non biologicamente, di questo si occupa la natura), abbiamo bisogno di comunicare, confrontarci, dire la nostra brutta o bella che sia. Fatelo! La vita è qui e ora e poi mai più! Non perdetevi questo confronto con voi stessi e coi vostri simili. Siamo tutti degli esseri umani! È questo ciò che raccomanda agli amici del Web, Orazio Guglielmini. E io aggiungerei un “Grazie!” per chi volesse tradurre questi post nella sua o in un’altra lingua.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *