Mauro Biglino e il Nichilismo della Chiesa Cattolica Romana

 

foto (3)Mauro Biglino, ieri sera, 19 ottobre 2016, alle ore 21.30, al Palazzo Boglietti di Biella, ha presentato il suo nuovo libro edito da Mondadori, “Il falso testamento”. Inutile dirlo, c’era tantissimissima gente.

Di cos’ha parlato il filologo? Del falso testamento. E cioè delle solite cose, e cioè delle falsità che la Chiesa ha detto da quando è diventata Chiesa fino ad oggi. E cioè? Dell’altra verità della Bibbia. E cioè? E cioè di menzogne divine, di falsa creazione, d’immoralità, di miracoli inesistenti, insomma, di tutte le balle e le ignominie sostenute dagli ecclesiastici in più di duemila anni di storia indegna, inumana e grottesca.

Biglino sostiene che in tutta la Bibbia non ci sia una riga, una sola riga di cui si conosca la fonte o l’autore. Il testo biblico è una menzogna unica, una menzogna dall’inizio alla fine, dalla prima riga all’ultima, una falsità abissale e nulla più.

In altre parole, Biglino sostiene che almeno il 90% degli ecclesiastici, – papi, cardinali, vescovi, preti, teologi, decani, monaci, ecc., non conoscono il vero testo biblico, e non lo conoscono perché non conoscono l’ebraico, non conoscono le fonti del Vecchio Libro né il suo vero contenuto. “La Bibbia Ebraica” non ha nulla a che vedere con “La Bibbia Cristiana”. Due mondi a parte. La prima parla di umanità, la seconda di storia divina. Quindi, abbiamo avuto e abbiamo tutt’oggi il 90% dei predicatori che erano e sono tutti ignoranti del vero testo biblico, solo dei preti imbecilli che predicavano e predicano ancora oggi la loro stessa ignoranza ad altri ignoranti che vanno ad ascoltarli in Chiesa e in altri posti.

Detto diversamente, Dio, nella Bibbia Ebraica, non esiste, e non esiste neppure, sempre nel testo ebraico, il paradiso, l’eternità, l’onnipotente, la santa vergine, le legge divina, il peccato originale, l’inferno, Adamo e Eva, Gesù Cristo, la verginità, l’amore, la salvezza, l’etica, la morale.

Papa Francesco, ad esempio, si riempie la bocca, l’infelice, tutto il tempo d’amore e sa, dovrebbe saperlo, che questa parola nel testo ebraico non esiste. L’amore di Dio, l’amore divino, l’amore di Cristo, tutte menzogne. Papa Francesco, predicando l’amore di Dio, dice fandonie, pecca davanti ai suoi simili, davanti all’umanità, e questo è il vero peccato che fanno gli uomini davanti agli uomini. Altri peccati non esistono. Papa Francesco è un peccatore, è un falso individuo. È, tout court, o un diabolico individuo o un incallito stolto, perché predica l’amore divino che non esiste.

Per quanto riguarda la morale, Biglino sostiene che Dio è il più grande immoralista al mondo: si schiera sempre, non coi deboli, non coi buoni, non coi giusti, i sani di mente, ma coi cattivi, coi criminali, coi nazisti, coi tiranni, con la feccia della terra, coi i peggiori assassini del sistema solare, coi, coi, coi. Insomma: se questo è un Dio!?

Mauro Biglino, il traduttore biblico, il conoscitore della lingua ebraica, della lingua greca e del latino, conferma coi suoi libri, video, conferenze, ciò che i pensatori antichiesa, anticristiani, antitestamenti, antiassurdità divine, iniziando con Celso e finendo, tanto per fare qualche nome, con lo scienziato inglese, Stephen Hawking e il filosofo francese, Michel Onfray, hanno sempre detto: tutte bugie, tutte falsità, tutte manipolazioni umane, tutti delitti, tutte violazioni gratuite, tutti deliri. La Chiesa Cattolica e il suo pensiero sono la vera disgrazia dell’umanità. Qualcosa di peggiore al genere umano non poteva accadere. Se l’umanità si autodistrugge, questo lo deve principalmente alla Chiesa Cattolica Romana, al Vaticano, al Papa.

Mauro Biglino sostiene inoltre che bisogna denunciare i responsabili di questa “Inumanità Istituzionalizzata”, portarla davanti alla sbarra, processarla e con essa processare anche tutti quelli che sostengono stupidamente la sua causa, il minimo che si potrebbe fare per liberare l’umanità da questa peste bubbonica.

Infatti, perché, ci chiediamo noi, perché la Chiesa non chiude bottega, dato che vende solo menzogne, dato che insulta con la sua presenza l’umanità intera, dato che è solo un’organizzazione criminale, perché, allora, non ammette una volta per sempre tutti i suoi crimini e chiude questa sua abominevole storia? È solo un consiglio.

 

UN INVITO: Se l’articolo è stato di vostro gradimento, allora passate parola, condividetelo, criticatelo, dite ciò che pensate. Per crescere e maturare culturalmente (non biologicamente, di questo si occupa la natura), abbiamo bisogno di comprendere, di comunicare, confrontarci, dire la nostra brutta o bella che sia. Fatelo! La vita è qui e ora e poi mai più. Non perdetevi questo confronto con voi stessi e coi vostri simili. Siamo tutti degli esseri umani. Vale a dire, nessuno uomo è più che un uomo. È così che parla agli amici del Web, Orazio Guglielmini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *