Quello che È e quello che NON È : Ieri, Oggi e Sempre

 

Io non sono un pessimista, né un idealista

e non ho assoluti. Sono un naturalista, ac

cetto la realtà per quello che è e cerco di

vivere in essa come meglio posso. *

 

Qui parliamo di quello che NON È.

Abbiamo, consciamente o inconsciamente, riempito la Terra e la nostra testa, tra l’altro, di invenzioni, di cose che non esistono, che non si vedono, che non si sentono, che non si toccano, che non si trovano sulla Terra, né nel sistema solare, né nel resto dell’universo. Viviamo di bugie, ci alziamo il mattino e ci raccontiamo bugie, andiamo a letto la sera raccontandoci bugie, sogniamo durante la notte bugie, adoriamo le bugie, siamo una specie schiava delle bugie.

Alle bugie abbiamo costruito i più grandi e i più falsi edifici e monumenti. I pittori e gli scultori più geniali della Terra gli hanno dedicato le loro opere più belle; i poeti più illustri i versi più toccanti; tutti gli artisti, piccoli e grandi e da ogni angolo della Terra, hanno cantato e osannato bugie a questo e a quello idolo non esistente. Siamo una specie che si nutre di una vuotaggine ragionata, cioè di bugie.

Le bugie però non ci aiutano a crescere, né a vivere meglio. Tutt’altro, sono la base della discordia e della violenza fra noi umani. Infatti, nonostante la nostra lunga storia, siamo rimasti cattivi, cattivi e infantili. Stiamo, non solo distruggendo il mondo che ci ospita, ma anche ci stiamo autodistruggendo.

La domanda a questo punto è: “Fino a quando riusciremo a cibarci di bugie senza che ci vanno di traverso e ci affogano?

 

*          Io credo che la nostra salvezza come specie di questo pianeta, l’otterremo solo e solo se impareremo ad accettarlo per com’è e non per come NOI vogliamo che sia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *