seconda guerra mondiale Archive

Adolf Hitler e i suoi maestri

  “La storia non va accettata. Come potrebbe esserlo? Non va neppure criticata. È uno spreco di tempo. La storia va rifatta. Punto.” Orazio Guglielmini   “Io sono uno scrittore Non venduto alle istituzioni Io dico quel che penso Di ogni classe e di ogni tempo Il mio nome è libero pensatore.”   Hitler, e

Sir Winston Churchill, il pittore

    “Fino a quando non capiamo che le persone peggiori al mondo sono quelle che lo governano e l’hanno governato, non abbiamo capito ancora nulla né di noi stessi né del mondo in cui viviamo.”      Orazio Guglielmini   Ecco come si esprime il Grande Uomo riguardo alla pittura: “Devo dire che amo i

La Storia: un Sogno o un Incubo? (Post riveduto) (2)

    C’è una cosa che via via che invecchio mi diviene sempre più intollerabile, ed è quando sento parlare del mostro della Seconda Guerra Mondiale senza menzionare i suoi veri artefici. È vero, Hitler merita tutto l’odio del genere umano, però, quest’odio, per renderlo tale, dovrebbe essere sostenuto dalla ragione storica. Questa non c’è.

Il Papa ad Auschwitz e Birkenau

“Arbet Macht Frei, il lavoro rende liberi”   Papa Francesco dovrebbe interrogarsi, visto il luogo in cui si trova, almeno su due punti cardinali e di grande importanza storica. Per prima cosa dovrebbe chiedersi chi ha creato il “Nazismo?” Chi sono stati i suoi “Autori”? Chi ha fatto d’un essere umano un “Boia dell’Umanità?” Insomma,

Gli extracomunitari di Marcinelle e il primo maggio

  “Fino a quando una sola persona nell’intero Pianeta viene ingiustamente maltrattata, tutte le istituzioni che lo compongono non sono degne di esistere,”   Orazio Guglielmini       Non so quanti anni hai tu, Rossi, ma io ne ho abbastanza per ricordare quell’otto agosto del 1956, disse Orazio Guglielmini a Rossi quella mattina mentre salivano

L’Italia analfabeta – post 17

Forti coi deboli; deboli coi forti Deboli coi forti: Churchill può permettersi d’insultare l’Italia chiamandola “il ventre molle dell’asse” Roma-Berlino-Tokyo. Infatti, nell’ultima Guerra Mondiale, sono bastate due piccole divisioni inglesi per sconfiggere dieci divisioni italiane nel deserto d’Egitto; è bastato un pugno di francesi mezzi morti di Carlo VIII, re di Francia, per sconfiggere nella

L’Italia analfabeta – post 10 (parte II)

 Cultura  –  in 2 parti  (II)   “E non solo questo, signor Cipollina,” riprese a dire Davos, “perché, vede, anche gli animali domestici,  i cavalli, i cani, i gatti, sono acculturati.” “Ma cosa sta dicendo, signor Davos?” fece Cipollina sempre più stupito. Uno dei suoi figli si era sposato con una ragazza molto bella, ma

Il contratto capestro di Marcinelle – in 3 post, il terzo

 Il contratto capestro di Marcinelle – in 3 post, il terzo  Non so quanti anni hai tu, Rossi, ma io ne ho abbastanza per ricordare quell’otto agosto del 1956. Ero ancora un ragazzo. Ricordo comunque tutto. Ricordo la signora Giuseppina che, non appena sentita la tragica e funesta notizia, si era messa subito a urlare

L’Italia in vendita!

Finalmente, almeno per una volta questi sciocchi inglesi si sono sbagliati. Era ora che facessero qualche gaffe! E l’hanno fatta. Nessuno è perfetto. Avevano detto e anche scommesso che l’Italia sarebbe andata in vendita nel 2020, invece si sono sbagliati di 8 anni, ciappalà, sciocchi stupidi mangia rosbif inglesi. Invece s’incomincia a venderla dal 2012,

Non c’è paragone tra il Titanic e la Costa Concordia

Il Titanic navigava in altomare; la Costa Concordia navigava in una pozza d’acqua calmissima e a due passi dalla terra; il Titanic, nel 1912, non aveva tutte le tecnologie che oggi, nel 2012, esistono; la Costa Concordia, infatti, aveva tutta la scienza moderna a sua disposizione. Di più. Il Titanic aveva un personale pronto, all’altezza